Investigating Gender in Mediterranean Archaeology

Envoyer Imprimer

Investigating Gender in Mediterranean Archaeology

A two-day international conference

Appel à contributions
Date limite : 12 avril 2012

 

 

Organised by the Royal Netherlands Institute in Rome
Organisation committee: G. Saltini Semerari and N. Sojc

The past decades have seen the gradual but growing integration of gender perspectives within Mediterranean Archaeology. This has greatly enriched our understanding of identity and social relations within ancient communities. However, Mediterranean archaeologists have often pursued gender perspectives independently, approaching particular issues using their own specific methodologies. This is restrictive because in reality these diverse researchers are addressing the same broader theoretical issues, including representation, identity and power dynamics. The discussions across the boundaries of specialisations would thus greatly profit from an intellectual exchange.


We therefore propose to bring together researchers who investigate gender using diverse methods and theoretical approaches to discuss how these can be integrated to better illuminate gender relations within the ancient world. We expect the discussion to produce a fruitful merging of ideas, perspectives and insights. Our wider goal is to stimulate a more unified approach towards gender in the ancient world, and one which can also contribute to significant related theoretical debates, such as ethnicity, syncretism and globalisation.

We invite papers to be presented at a two-day international conference, which will be held at the Royal Netherlands Institute in Rome on the 31st May and 1st of June 2012. The aim is to discuss diverse archaeological approaches to gender within the ancient Mediterranean world from the Early Iron Age to the end of the Roman period. Topics may include, but are not limited to: (1) gender identity and representation in archaeological contexts and through visual art (with a particular focus on the medium and context of the representation); (2) social organisation and its figurative visualisation; and/or (3) gender and power dynamics.

Keynote speakers will open the sessions, followed by contributions of 20 minutes each; a poster session will also take place. Presentations and posters can be in English or Italian. The proceedings of the conference will be published as a volume of the new series of the Royal Netherlands Institute in Rome. A limited number of contributions presented at the conference in poster form will be invited by the organizers to participate with an article in the planned volume.

Researchers that wish to participate are invited to send an abstract of no more than 200 words to Dr. Giulia Saltini Semerari at Cette adresse email est protégée contre les robots des spammeurs, vous devez activer Javascript pour la voir. . The subject line should read: Mediterranean Gender. The deadline for the receipt of abstracts is April 12, 2012.

Scientific committee: G. Saltini Semerari (Royal Netherlands Institute in Rome), N. Sojc (Leiden University), A. Alexandridis (Cornell University), M. Meyer (Vienna University), and G.-J. Burgers (Royal Netherlands Institute in Rome).

Gli studi di genere nell'archeologia mediterranea
Convegno internazionale in due giornate


Organizzato dal Reale Istituto Neerlandese a Roma
Comitato organizzatore: G. Saltini Semerari e N. Sojc

I decenni passati hanno registrato una graduale ma crescente integrazione di prospettive di genere nell'archeologia mediterranea. Questi contributi hanno grandemente arricchito la nostra comprensione di identità e relazioni sociali nelle comunità antiche. Tuttavia, specialisti in diversi periodi, regioni e ambiti (dagli studi sulla cultura visuale all'analisi dei contesti funerari) hanno spesso portato avanti prospettive di genere indipendenti, usando la loro metodologia specifica applicata alle loro problematiche particolari. Questo risulta essere limitante visto che gli archeologi affrontano le stesse questioni teoriche più generali, tra le quali le dinamiche di rappresentazione, identità e potere. Una discussione che superi i confini delle varie specializzazioni trarrebbe vantaggio da uno scambio intellettuale a più ampio raggio.

Per questo proponiamo di riunire ricercatori di studi di genere per discutere su come i loro metodi e approcci teorici possano contribuire a far chiarezza sulle relazioni di genere nel mondo antico. Ci aspettiamo che la discussione produca uno scambio produttivo di idee, prospettive e riflessioni. L'obbiettivo più ampio è stimolare un approccio più integrato sugli studi di genere nel mondo antico, cosa che può anche contribuire ad altri dibattiti attuali su temi come etnicità, sincretismo e globalizzazione.

Invitiamo dunque la presentazione di relazioni alle due giornate di convegno internazionale che si svolgerà al Reale Istituto Neerlandese a Roma il 31 maggio e il 1º giugno 2012. L'obbiettivo è di discutere approcci all'archeologia di genere nell'ambito mediterraneo dalla prima età del Ferro alla fine dell'età romana. Gli argomenti includono, ma non sono limitati (1) identità di genere e rappresentazione in ambiti archeologici e attraverso l'arte visuale (prestando particolare attenzione al mezzo e al contesto della rappresentazione); (2) organizzazione sociale e la sua visualizzazione figurativa; (3) dinamiche di genere e di potere.

I relatori principali apriranno le sessioni, seguiti da contributi di 20 minuti ciascuno; è prevista anche una sessione dedicata ai poster. Presentazioni e poster possono essere sia in inglese sia in italiano. Gli atti della conferenza saranno pubblicati nelle nuove serie del Reale Istituto Neerlandese a Roma. Gli organizzatori inviteranno un numero limitato di contributi presentati alla conferenza in formato poster a prendere parte alla pubblicazione con un articolo.

I ricercatori che desiderano partecipare sono invitati a mandare un abstract di 200 parole entro il 12 aprile alla Dr. Giulia Saltini Semerari, Cette adresse email est protégée contre les robots des spammeurs, vous devez activer Javascript pour la voir.

Comitato scientifico: G. Saltini Semerari (Reale Istituto Neerlandese a Roma), N. Sojc (Università di Leida), A. Alexandridis (Cornell University), M. Meyer (Università di Vienna), e G.-J. Burgers (Reale Istituto Neerlandese a Roma).

 

 

Source : Site de la Mommsen Gelsellschaft

 

Inscription à la lettre d'informations



Recevoir du HTML ?

Identification